Donare, Ricevere, Condividere, Accettare

Tutto è in continuo mutamento.

Lo sappiamo, niente è per sempre, tutto cambia, si trasforma, evolve. Esserne realmente consapevoli è tutt’altra cosa. Accettarlo altro ancora.

Cambiamento rapidi, imprevisti, fuori dal nostro controllo possono destabilizzare.

In questo si è modificata la vita di tutti. Siamo tutti nella stessa barca, si, ma non tutti viaggiamo in prima classe. Ognuno affronta questo periodo a modo proprio, facendo fronte come può alle difficoltà che incontra, di qualunque natura siano.

Potrebbe essere utile in questo momento, stare in ascolto, osservare. Cogliere le reali esigenze nostre e delle persone attorno a noi, valutare obiettivamente cosa possiamo fare per aiutare noi stessi e gli altri.

Cogliamo l’occasione per imparare a chiedere ciò che ci serve e ad accettare ciò che ci viene offerto.

Sebbene fisicamente distanti gli uni dagli altri, barricati dietro le mascherine, gli occhi rimangono visibili, e gli occhi possono comunicare davvero molto. Cerchiamo di cogliere lo sguardo del tizio dall’altra parte della strada, proviamo a capire come sta, immaginiamo quali potrebbero essere le sue difficoltà, valutiamo se abbiamo la possibilità di fare qualcosa di utile per lui o per altri.

Potrebbe venirci in aiuto una pratica yoga con Asana che ci portano in contatto con Anahata, il centro energetico de cuore, per provare empatia a distanza, accogliere ed accettare noi e gli altri, ed una meditazione per predisporci all’ascolto, affinando i sensi e l’intuito.

Buona pratica.

Namaste, Enrica.

PINO SILVESTRE, visione lucida

Pianta dall’energia Yang, stimola la forza fisica e mentale, contrasta esaurimento e stress, libera le vie respiratorie. Dona determinazione per i momenti in cui e necessario mantenere il punto, senza abbassare la testa.

Dell’olio essenziale di pino in un diffusore per ambienti, oppure della resina, possono aiutare a darci forza e coraggio.

Nei periodi in cui siamo sommersi da troppe notizie incontrollate, sa situazioni stressanti che creano ansia e tensione, Pinus Sylvestris ci può venire in soccorso.

Ci ricorda di non subire passivamente.

Non lasciamoci travolgere dagli eventi, ma ragioniamo con la nostra testa.

Il Pino ci porta a fare un passo indietro, metterci in disparte ed osservare le situazioni dall’esterno, con sguardo lucido e distaccato.

Avere un’ampia visione d’insieme, ci permette di valutare obbiettivamente pro e contro, realtà e falsi miti, soppesare le informazioni, riflettere e decidere serenamente come agire.

La pratica di questa settimana equilibra i Chakra e stimola il sistema nervoso, per darci l’opportunità di trovare la centratura necessaria per una visione chiara e distaccata.

Buona pratica.

Namaste, Enrica.

FELCE, la verità della natura

Questa settimana ci lasciamo ispirare dalla felce.

Leggenda vuole che la felce fiorisca la notte del solstizio d’estate, chi in questa notte raccolga i suoi semi, riceverà in dono il potere dell’invisibilità. Ciò non è così semplice come può sembrare, dato che i semi sono piccolissimi, difficili da vedere, raccogliere e conservare; inoltre la pianta è protetta dagli spiriti del bosco che ostacolano chi tenta l’impresa.

La felce indica anche, con la sua presenza, il luogo in cui sono nascosti dei tesori, comunque non facili da trovare e sempre protetti dagli spiriti.

La felce ci spinge ad osservare la verità, la vera essenza del mondo e della natura che ci ospita, ciò che solo i saggi vedono con chiarezza, grazie alla conoscenza ed alla sapienza che hanno ottenuto.

Questa pianta suggerisce di dare con sincerità ed onestà il giusto valore alle cose, rifacendoci alle leggi di natura e non alle abitudini dettate dal nostro stile di vita, frutto di sovrastrutture creste dall’uomo.

La felce ci accompagna verso una comprensione autentica del mondo nel quale viviamo, verso la conoscenza della natura che va protetta e rispettata.

Questo nuovo atteggiamento verso l’ambiente ci porterà un miglioramento nella qualità della nostra vita.

Riconoscere e proteggere le natura significa riconoscere e proteggere noi stessi, ridefinendo le priorità e le scale di valori.

Nella pratica di questa settimana vedremo nelle asana i simboli di elementi naturali, riconosceremo in noi le loro caratteristiche, in connessione con l’energia di piante ed animali.

Buona pratica.

Namaste, Enrica.

YOGA E DEE

Energie lunari e femminili.

Troviamo connessione con l’aspetto femminile presente in ognuno di noi, troviamo connessione con la madre terra ed il nostro potere creativo.

Riprendiamo contatto con la natura, in particolare con i segreti delle piante, fortemente connessi con le ENERGIE FEMMINILI.

Attiviamo il SECONDO CHAKRA stimolando la creatività fisica e mentale.

Richiamiamo con le Asana la forza della guerriera Durga, la potenza selvaggia di Dakini, l’equilibrio di Parvati, la dolcezza di Lakhsmi, la sensualità di Kali.

Le divinità racchiudono ogni aspetto energetico delle caratteristiche considerate femminili, che risiedono comunque in ognuno.

La pratica di questa settimana ci aiuterà a trasformare l’aggressività in forza, attivare l’energia della dea guerriera, risvegliare un atteggiamento pacifico ed amorevole.

Entriamo in connessione anche con le energie lunari, che ci accompagnano verso l’interno, i un viaggio alla scoperta della nostra vera essenza.

La PRATICA LUNARE è calmante, lenitiva, attiva l’intuizione, permette di lasciar andare e lasciarsi andare, ci fa assaporare il ritmo interiore, il fluire di corpo e mente.

Buona pratica

Namaste, Enrica

EDERA, LASCIARSI SOSTENERE

Come mettere da parte l’orgoglio ed accettare l’aiuto che ci viene offerto.

L’Edera fa parte dei sempreverdi, è una pianta invasiva, rigogliosa, prospera facilmente. Viene associata alla ricchezza, all’abbondanza, alla prosperità, alla salute, alla fedeltà, all’amore, alla fortuna ed all’amicizia.

La natura rampicante dell’edera, che sale lungo gli alberi, ricorda un caldo abbraccio, una presenza confortante.

L’edera ci ricorda che non siamo infallibili e le nostre risorse non sono infinite. Noi, come tutti, abbiamo bisogno di aiuto. L’ego ci spinge ad essere ostinati ed orgogliosi, rifiutando di ammettere che abbiamo bisogno di sostegno.

Con l’edera impariamo a controllare l’ego, rendendoci meno riluttanti ad ammettere che non siamo totalmente autosufficienti, possiamo essere umili ed onesti con noi stessi e modificare il nostro atteggiamento.

In connessione con le vibrazioni di questa pianta, possiamo riconoscere i nostri limiti, accettare l’aiuto che ci viene offerto, affidarci ed imparare a ricevere, delegando e lasciando andare quando non è possibile fare altro.

La pratica di questa settimana lavora sull’attaccamento causato dall’ego, sull’accettazione dei propri limiti, sulla gratitudine per ciò che ci viene offerto e sulla fiducia.

Buona pratica.

Namaste, Enrica.

SCHIENA: FLESIBILITA’ E POSTURA

Gennaio 2020, continuiamo a prenderci cura del nostro corpo, dopo la pratica DETOX e la pratica per le GAMBE, ora ci occupiamo della nostra SCHIENA.

Questa settimana la pratica sarà incentrata su Asana specifiche per rendere la schiena flessibile.

Porteremo particolare attenzione alla POSTURA ed al benessere della colonna vertebrale.

Vedremo come ritrovare una postura eretta e limitare i danni di una vita sedentaria.

La colonna vertebrale rappresenta il pilastro che ci sorregge ed è sede di uno dei canali energetici principali. Imparare a muoverla in maniera corretta, con attenzione e consapevolezza, durante tutto il giorno, aiuta a ridurre i disturbi dovuti a posture scorrette.

Buona pratica.

Namaste, Enrica

GAMBE FORTI E LEGGERE CON LO YOGA

Gennaio 2020, il mese dei nuovi inizi e dei buoni propositi.

Abbiamo ripreso la scorsa settimana con una PRATICA DETOX, pensata per eliminare le tossine accumulate durante le feste, continuiamo ora con una pratica dedicata alla salute ed al benessere delle nostre gambe.

Le lezioni della terza settimana di gennaio sono dedicate alle nostre gambe. Vedremo come renderle forti, toniche, flessibili e leggere.

Uno stile di vita sedentario può causare pesantezza, gonfiore, ritenzione di liquidi.

Vedremo questa settimana le Asana che ci possono aiutare a prenderci CURA DELLE NOSTRE GAMBE

Buona pratica.

Namaste, Enrica

YOGA DETOX gennaio 2020

A grande richiesta… Riprendiamo le lezioni di gennaio con una pratica pensata per porre rimedio agli sgarri natalizi.

Chi più, chi meno, durante le feste tendiamo ad eccedere con il cibo, in particolare dolci, ci concediamo qualche aperitivo in più con gli amici, dedichiamo meno tempo alle attività fisiche.

Ecco che a gennaio è necessario correre ai ripari!

Ovviamente la prima cosa da fare è cambiare alimentazione, scegliendo cibi sani e leggeri, poco lavorati, preferendo verdura e frutta, eliminando (almeno per un periodo) dolci, bibite, alcolici.

Possibilmente preparando i propri pasti in casa, seguendo una dieta bilanciata (non fai da te!).

Ovviamente anche l’attività fisica è fondamentale, e chi non ha tra i buoni propositi per l’anno nuovo l’iscrizione in palestra? Perfetto. Poi però in balestra bisogna andarci 🙂

Quando ci siamo salutati prima della pausa natalizia, mi avete chiesto una pratica detox per gennaio. Ed ora è il momento.

Fondamentali le torsioni nella pratica di questa settimana. Le torsioni stimolano la digestione, attivano stomaco, fegato, cistifellea, pancreas ed intestino. Tutta la zona addominale viene massaggiata, inoltre si attivano i canali energetici principali: Ida, Pingala e Sushumna.

Le torsioni sono perfette per eliminare tossine e sostanze stagnanti, richiamando ossigeno e sangue verso gli organi addominali.

Buona pratica, e se volete altri consigli potete leggere 5 SUGGERIMENTI PER TORNARE IN FORMA e YOGA E ALIMENTAZIONE

Namaste, Enrica.

Golf & Yoga

CONCENTRAZIONE, VISUALIZZAZIONE E PENSIERO POSITIVO

Se avete provato il golf anche solo una volta, sapete quanto siano importanti.

Forse non sapete che lo YOGA può aiutarvi con il golf (e altri sport 😉 ).

La pratica dello Yoga aumenta mobilità, energia fisica e mentale, flessibilità, forza, equilibrio psicofisico.

Lo yoga è fondamentale per chi vuole curare postura, allineamento e sviluppare un movimento fluido ed armonioso. Il lavoro posturale aiuta ad avere una migliore percezione del corpo nello spazio, rinforza addominali e dorsali, preservando la salute della colonna vertebrale.

Le Asana (posizioni) stimolano l’equilibrio, aiutano a trovare stabilità e radicamento a terra, una base solida sulla quale costruire il movimento. Le posture specifiche per l’equilibrio inoltre aiutano a ritrovare concentrazione e stabilità mentale, lavorando sulla connessione mente – corpo.

Le posizione statiche sono benefiche per tendini, muscoli ed articolazioni, sviluppano stabilità, mentre le sequenze dinamiche rendono il corpo flessibile, armonioso e l’ampia gamma di movimenti aiuta a prevenire gli infortuni e migliorare la coordinazione.

Durante la pratica movimento, posizione e respiro sono fortemente connessi, questo aiuta a sincronizzare movimento e respiro anche in campo, migliorando la gestione delle proprie risorse energetiche durante attività prolungate.

Ma lo yoga non è solo movimento. Le tecniche PRANAYAMA, insegnano a veicolare l’energia ed ad acquisire la consapevolezza del respiro. Gestire la respirazione aiuta a calmare la mente, ridurre stress ed ansia, aumentare la concentrazione ed eliminare le distrazioni esterne, migliorando la prestazione sportiva, soprattutto in gara, quando le pressioni esterne sono maggiori.

Ogni persona è differente e per godere al meglio dei benefici dello YOGA PER LO SPORT sarebbe opportuno valutare con l’insegnante le proprie esigenze e creare un percorso specifico, creato su misura, magari con delle LEZIONI PRIVATE.

Buona pratica.

Namaste, Enrica