SCHIENA: FLESIBILITA’ E POSTURA

Gennaio 2020, continuiamo a prenderci cura del nostro corpo, dopo la pratica DETOX e la pratica per le GAMBE, ora ci occupiamo della nostra SCHIENA.

Questa settimana la pratica sarà incentrata su Asana specifiche per rendere la schiena flessibile.

Porteremo particolare attenzione alla POSTURA ed al benessere della colonna vertebrale.

Vedremo come ritrovare una postura eretta e limitare i danni di una vita sedentaria.

La colonna vertebrale rappresenta il pilastro che ci sorregge ed è sede di uno dei canali energetici principali. Imparare a muoverla in maniera corretta, con attenzione e consapevolezza, durante tutto il giorno, aiuta a ridurre i disturbi dovuti a posture scorrette.

Buona pratica.

Namaste, Enrica

Golf & Yoga

CONCENTRAZIONE, VISUALIZZAZIONE E PENSIERO POSITIVO

Se avete provato il golf anche solo una volta, sapete quanto siano importanti.

Forse non sapete che lo YOGA può aiutarvi con il golf (e altri sport 😉 ).

La pratica dello Yoga aumenta mobilità, energia fisica e mentale, flessibilità, forza, equilibrio psicofisico.

Lo yoga è fondamentale per chi vuole curare postura, allineamento e sviluppare un movimento fluido ed armonioso. Il lavoro posturale aiuta ad avere una migliore percezione del corpo nello spazio, rinforza addominali e dorsali, preservando la salute della colonna vertebrale.

Le Asana (posizioni) stimolano l’equilibrio, aiutano a trovare stabilità e radicamento a terra, una base solida sulla quale costruire il movimento. Le posture specifiche per l’equilibrio inoltre aiutano a ritrovare concentrazione e stabilità mentale, lavorando sulla connessione mente – corpo.

Le posizione statiche sono benefiche per tendini, muscoli ed articolazioni, sviluppano stabilità, mentre le sequenze dinamiche rendono il corpo flessibile, armonioso e l’ampia gamma di movimenti aiuta a prevenire gli infortuni e migliorare la coordinazione.

Durante la pratica movimento, posizione e respiro sono fortemente connessi, questo aiuta a sincronizzare movimento e respiro anche in campo, migliorando la gestione delle proprie risorse energetiche durante attività prolungate.

Ma lo yoga non è solo movimento. Le tecniche PRANAYAMA, insegnano a veicolare l’energia ed ad acquisire la consapevolezza del respiro. Gestire la respirazione aiuta a calmare la mente, ridurre stress ed ansia, aumentare la concentrazione ed eliminare le distrazioni esterne, migliorando la prestazione sportiva, soprattutto in gara, quando le pressioni esterne sono maggiori.

Ogni persona è differente e per godere al meglio dei benefici dello YOGA PER LO SPORT sarebbe opportuno valutare con l’insegnante le proprie esigenze e creare un percorso specifico, creato su misura, magari con delle LEZIONI PRIVATE.

Buona pratica.

Namaste, Enrica

Riscoprire la femminilità

YOGA & PAVIMENTO PELVICO

La muscolatura del pavimento pelvico viene poco considerata, a volte se ne scopre l’esistenza sono in caso di gravidanza e parto, si tratta invece di una zona importantissima, sede della forza femminile, della sensualità e del 1° Chakra.

Si tratta della parte del corpo che poggia sul sellino della bicicletta, area che i pudori sociali hanno reso tabù, contribuendo alla mancata confidenza e consapevolezza personale.

Anatomicamente si tratta di fasce muscolari volontarie ed involontarie – a forma di 8, simbolo dell’infinito – che svolgono importanti funzioni:

mantengono in sede gli organi interni addominali, aiutano a mantenere una postura corretta, permettono o impediscono il passaggio di feci, urina , gas….. e del bambino durante il parto, amplifica il piacere durante i rapporti sessuali.

E’ importante mantenere questa muscolatura tonica ed elastica per evitare disagi che possono con il tempo degenerare in patologie.

Lo Yoga ci aiuta ad entrare in connessione con questa parte del nostro corpo, a percepirne la muscolatura e la forza fisica, a riconoscerla energeticamente come sede di autostima, accettazione di sé, forza creatrice.

Praticando Asana, Bhanda e Mudra specifici si allena la muscolatura, si attiva energeticamente e si entra in contatto con una parte profonda della femminilità. Le donne che intraprendono questo percorso di conoscenza godono di un cambiamento positivo riscoprendo forza ed energia, una nuova vitalità sessuale, maggiore autostima e sicurezza, un approccio sereno verso le diverse fasi della vita.

Un perineo sano migliora la vita di donne e uomini, purtroppo gli uomini trascurano questa zona anche più delle donne…….ma non è mai tardi per prenderne consapevolezza 🙂

Buona pratica

Enrica 🙂

Mudra, lo yoga delle mani

L’EQUILIBRIO NELLE TUE MANI

In sanscrito Mudra significa GESTO / SIGILLO.

In tutte le culture i gesti delle mani hanno una forte connotazione simbolica. I Mudra sono numerosi ed ognuno ha delle caratteristiche specifiche, con delle influenze sul piano fisico, emotivo ed energetico.

Le differenti posizioni assunte con le mani canalizzano, trattengono e indirizzano l’energia dove c’è più bisogno.

I Mudra stimolano i canali energetici agendo sulle terminazioni nervose.

E’ possibile praticare lo Yoga con le mani in qualsiasi momento, in qualsiasi posto e non richiedono uno sforzo fisico.

Si mantiene la posizione per un minimo di 15 secondi fino a 20/30 minuti, si può praticare durante l’esecuzione di Asana, Pranayama o meditazione.

Gli effetti sono potenti….. non resta che provare 🙂

Buona pratica 🙂

Enrica

Più sexy con il nostro corsetto naturale :-)

Ecco come conquistare e mantenere pancia piatta, vita sottile ed una postura eretta!

Lo Yoga ci aiuta anche in questo, con Asana specifiche possiamo modellare il nostro corpo e migliorare la salute della colonna vertebrale, eliminando i mal di schiena.

Stabilizzatori posturali della colonna vertebrale:

  • legamenti e dischi (passivi)
  • muscoli e tendini (attivi)
  • sistema nervoso (controlla spostamenti)

I muscoli superficiali della schiena rispondono ai carichi di peso e agli spostamenti del baricentro. Non stabilizzano i singoli segmenti. La forza muscolare è necessaria per il controllo di pesi, ma per la postura quotidiana è sufficiente il 10% della contrazione muscolare. Sono i muscoli profondi che stabilizzano i segmenti della colonna.

TRASVERSO ADDOMINALE

muscolo profondo, sotto al muscolo obliquo interno, collegato alle vertebre lombari e alla fascia toracolombare con funzioni posturali. Allenando questi muscoli si migliora il controllo sulla postura creando maggiore stabilità. Si attiva in coordinazione con il respiro ed il pavimento pelvico.

MULTIFIDO

Collegato al sacro e alle vertebre lombari basse controlla gli spostamenti posturali.

I fasci di muscoli addominali e dorsali superficialì circondano gli erettori spinali, il multifido e il quadrato dei lombi, contribuendo alla stabilità del tronco.

Riconoscere ed allenare questi muscoli aiuta a correggere la postura prevenendo dolori alla schiena, rende la pancia piatta senza contrarre eccessivamente i muscoli superficiali, sostenendo gli organi interni e lasciando libertà di movimento al respiro.

Buona pratica 🙂